Stregoneria Tradizionale
Comment 1

Stang – Strumento ed Altare rituale

Lo Stang è un bastone triforcuto utilizzato come altare portatile, l’unico che tratta di questo strumento è Robert Cochrane.

Lo Stang rappresenta l’albero della vita, intorno al quale, gli antichi pagani danzavano (may pole). E’ la colonna portante dell’Universo (Axis Mundi). E’ le sacre corna del Dio-Sciamano Cernunnos signore della flora e della fauna.

Se si possiede uno Stang generalmente non si ha bisogno d’altro per ritualizzare; è un altare ed uno strumento rituale in una volta sola.

Nelle culture paleolitiche pare che le corna degli animali avessero grande potere e donavano all’animale che le portava un livello maggiore di potere essendo esse sia strumento d’attacco e da difesa. Famose sono le pitture di Lescaux nel quale è possibile vedere la riproduzione di molti animali da branco con le corna.

La forca, oltre ad essere strumento degli Dèi, può anche essere strumento di uso quotidiano, infatti nelle tradizioni popolar spesso gli strumenti di potere sono gli strumenti di uso comune, come la forca usata dai contadini.

Il bastone richiama anche il simbolo del membro maschile simbolo di potere per tutte le culture e molto utilizzato in esoterismo.

Lo Stang è uno strumento da utilizzare prevalentemente all’aperto, al chiuso è possibile utilizzare lo Stang interiso in uno vaso di terra che può essere sostituita a seconda del rituale che si svolge e raccolta in luoghi differenti.

Lo Stang rappresenta la conduttività essendo esso la raffigurazione dell’albero del mondo e come tale, conduce la linfa vitale dalle radici fino alle fronde più alte e viceversa.

Lo Stang è la porta fra i mondi; dal quale è possibile invocare le divinità, lasciando offerte alla base dello Stang o tracciando il sigillo della divinità da invocare. In aggiunta è possibile suonare uno strumento o intonare una preghiera. 

Lo Stang può anche essere usato come porta per sé stessi durante un viaggio sciamanico; quindi adornarlo di tutto ciò che può servire prima di un viaggio, senza dimenticare che tutto quello che è presente qui, è presente in altri piani.

Lo Stang è associato anche alla conocchia che si usa per filare, così quindi come si crea un filo si crea un incanto. Si può far passare un filo intorno allo Stang in modo che rappresenti l’anima da tessere o l’incanto da creare, o ancora, l’obbiettivo che si vuole raggiungere.

Il tema della tessitura richiama anche figure divine come le Parche  greche o le Norne nordiche, da qui è possibile intuire a cosa può servire tale strumento.

Decorare lo Stang


Secondo Sarah Lawless, lo Stang può essere di qualsiasi legno può anche essere un semplice bastone al quale viene attaccato sopra un teschio di bovide o cervide. Secondo Cochrane lo stang dev’essere di legno di frassino, con inserito un chiodo alla base del bastone e due frecce incrociate allo snodo dei rami, unite da una ghirlanda.

 

Fra le biforcazioni alcune streghe usano inserire un chiodo per poter infilare una candela. La decorazione è personale, possono essere incisi simboli e sigilli, oppure appendere simboli ed ossa rituali, fra i rami dello Stang, oppure scrivere delle preghiere in diversi alfabeti.

Invocare un Caim

In Galles, Scozia ed Irlanda, i Caim sono spiriti di protezione, i quali si possono invocare per chiedere protezione durante un rituale. Con lo Stang è possibile invocare un Caim tenedo lo strumento nella mano destra, puntando dritto ad est e tracciando un cerchio in senso orario. Nel farlo è possibile intonare una preghiera, come la seguente che ha origine irlandesi.

May You be a bright flame before me,

May You be a guiding star above me,

May You be a smooth path below me

And a loving guide behind me.

Today, tonight and forever

Trad. Italiana:

Che tu possa essere fiamma luminosa davanti a me,

Che tu sia la stella polare mia guida sopra di me,

che tu sia il cammino facile sotto i miei piedi,

e ( che tu sia) una guida amorevole dietro di me.

Oggi, stasera e per sempre.

Liberamente tradotto da: How to use a Stang by the Witch of Forest Grove. I want to give a special thanks to Sarah  for the info about the Stang and for her blog. Grazie!
Annunci

1 commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...